Montfort Nouvelles - Montfort Nouvelles

Aller au contenu

Aperto il 300° della Morte di Montfort, Icona Sempre Più Luminosa del Presente

Montfort Nouvelles
Publié par dans Italie ·
Tags: NUITA211
[FR]  

Roma, Italia - Diversi appuntamenti hanno scandito l’inizio per l’Italia del 300° della morte di Montfort. In particolare:

Venerdì 12 giugno 2015. Alle ore 21 nella chiesa san Luigi Maria di Montfort a Roma-Monte Mario, si è tenuto un momento di preghiera, presieduto dal superiore provinciale, p. Angelo Epis. Sono presenti il superiore generale, p. Santino Brembilla con i confratelli del Consiglio, la superiora provinciale delle Figlie della Sapienza e alcune consorelle, i superiori e responsabili delle comunità monfortane d’Italia e Croazia, convenuti a Roma per la loro annuale Assemblea, i confratelli delle comunità romane, religiose degli Istituti presenti sul territorio della parrocchia, laici della parrocchia e consacrati monfortani. La lode comune, l’ascolto della Parola e la supplica hanno sollecitato il cuore ad accogliere Montfort quale “maestro e testimone” della perfetta donazione a Gesù Cristo per le mani di Maria e a seguire il suo stesso cammino spirituale. Dopo la preghiera ci si è ritrovati nel salone parrocchiale per un momento fraterno.

Sabato, 13 giugno 2015. Alle ore 10.30, nella chiesa romana di san Luigi dei Francesi, il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha inaugurato la ricorrenza del 300° in Italia.

La solenne celebrazione eucaristica in onore di san Luigi Maria di Montfort ha visto riunita per un comune e gioioso rendimento di grazie, l’intera Famiglia monfortana. Sono presenti il superiore generale dei missionari monfortani e i consiglieri, la superiora generale delle Figlie della Sapienza con le consigliere, il vicario generale e alcuni Fratelli di san Gabriele, il superiore provinciale con il Consiglio e confratelli delle comunità monfortane d’Italia, la superiora provinciale e consorelle delle Figlie della Sapienza, le Missionarie di Maria. Inoltre laici che vivono la spiritualità monfortana, in particolare membri dell’Associazione Maria Regina dei Cuori di Trinitapoli (Bat), diConsecratio Mundi, dei gruppi di Bologna e di Roma, degli Amici della Sapienza. Ancora sacerdoti di altri Istituti religiosi ed esponenti di alcuni movimenti ecclesiali che respirano la spiritualità monfortana, in particolare la Fraternità Regina dei Cuori (suore capoverdiane), i Focolarini e la Legio Mariae.

Il cardinale Angelo Amato nella sua omelia ha richiamato il senso della celebrazione: ricordare con affetto e gratitudine un santo che non è una figura sbiadita del passato, ma icona sempre più luminosa del presente, per vivere in consonanza con i palpiti del suo cuore. Ripercorrendo la vita del Fondatore, ha sottolineato il dinamismo e la poliedricità della sua figura di sacerdote.

Rispondendo alla domanda “cosa ci lascia, a distanza di tre secoli, la testimonianza del Montfort”, ha indicato sei messaggi che il Santo affida alla Famiglia monfortana: farsi pellegrini evangelici per conquistare a Cristo chi ha dimenticato il tesoro del battesimo; uscire verso le “periferie” incontro ai poveri e ai bisognosi di ogni genere; essere testimoni convinti e convincenti di vita cristiana; lasciarsi sostenere da una grande fede nella Provvidenza divina, radicarsi in uno spirito di adorazione profonda della presenza eucaristica di Gesù Crocifisso e Risorto; coltivare un’intensa devozione a Maria.

Il cardinale Amato ha concluso la sua omelia con queste parole: «il terzo centenario della morte di San Luigi Maria da Montfort serve a ricordarci il valore sommo della santità come linfa salutare che nutre la vera storia dell’umanità».

La celebrazione, animata dal coro In canto Vivo della parrocchia di Monte Mario, è stata introdotta dal saluto della superiora provinciale delle Figlie della Sapienza e si è chiusa con le parole di ringraziamento del superiore provinciale dei missionari monfortani. Al termine, nella cornice del chiostro della casa dove Montfort ha soggiornato in occasione della sua visita a Roma nel giugno del 1706, i presenti si sono intrattenuti fraternamente.

Domenica, 14 giugno 2015. La parrocchia San Luigi Maria di Montfort di Roma-Monte Mario, che con grande disponibilità si è prestata ad animare gli appuntamenti precedenti, ha voluto vivere un momento tutto suo per celebrare l’inizio del 300°. Lo ha fatto in una messa solenne, presieduta dal superiore generale, padre Santino Brembilla.

-P. Alfio Mandelli, SMM


 


--------------------------






Aucun commentaire


Retourner au contenu